primo piano

01/02/2014 - Notizie flash gennaio 2014


ANNO NUOVO VECCHI PROBLEMI !

In attesa che vengano definiti i nuovi organigrammi dirigenziali sia a livello di Dipartimento Regionale alla Sanità che a livello di Azienda Sanitaria, il nuovo anno si è aperto con vecchi problemi che affliggono la sanità lucana. Non bastava che il territorio sia stato completamente ignorato nel programma elettorale del nuovo Presidente della Giunta di Basilicata, il dr. Marcello PITTELLA (a cui comunque va il nostro augurio di buon lavoro), i primi provvedimenti regionali e aziendali adottati a cavallo della fine dell'anno, non fanno altro che aumentare le preoccupazioni per un futuro sicuramente sempre più incerto.

La proroga di fine anno delle esenzioni tickets autocertificate (E02 e E04) ha creato un qualche sconcerto fra i colleghi per la difficoltà non solo per adeguare le scadenze delle stesse al 31 dicembre 2014, ma anche per il fatto che tali esenzioni non sempre sono riconosciute dal sistema SOGEI che pertanto rifiuta la stampa della ricetta de-materializzata inviandola sul ricettario rosso. Da un lato c'è la forte preoccupazione della categoria sulle responsabilità personali, dall'altro c'è il timore  che in questo modo si possano subire difficoltà nell'approvvigionamento dei ricettari rossi.

Abbiamo scritto al nuovo assessore e al direttore generale dell'assessorato: è  superfluo sottolineare che non ci hanno degnati di una risposta.

A livello aziendale è sopraggiunta la novità delle nuove linee guida per la rendicontazione e l'espletamento delle prestazioni di particolare impegno professionale. In questa sede è opportuno fare un pò di chiarezza. E' da un anno che  l'ASP aveva posto l'esigenza di concordare dei criteri di appropriatezza, compresa la sostenibilità economica, per l'accesso alle prestazioni aggiuntive così come previsto dall'AIR in vigore. Fu costituita una commissione paritetica con la presenza di un nostro rappresentante.  Fra le altre cose nel tavolo tecnico la parte pubblica aveva espresso la necessità che per ogni prestazione effettuata fosse associato un qualche documento controfirmato dal cittadino. Tale soluzione, ribadisco, era una necessità dell'Azienda (pressata com'è dai controlli dei vari NAS e Guardia di Finanza); i nostri rappresentanti esprimevano le loro perplessità rimandando però la definizione della questione a livello di comitato aziendale. Nel comitato aziendale del 28 novembre il documento veniva presentato all'ultimo minuto, prima della chiusura, senza che vi fosse il tempo di approfondire l'argomento. L'azienda ha ritenuto che il documento fosse stato recepito ed è quindi partita la comunicazione a tutti i medici, anche ai pediatri (!!!!). Dopo le prime osservazioni critiche di alcuni colleghi, la FIMMG ha pensato di  effettuare  un sondaggio online fra gli iscritti che ha confermato, con una maggioranza del 70%, la contrarietà della categoria per l'ulteriore carico burocratico richiesto. Nell'ultimo comitato aziendale del 30 gennaio, i rappresentanti FIMMG insieme a quello dello SNAMI hanno ribadito con forza che la sottoscrizione di un documento da parte del cittadino non sta né in cielo né in terra. Di fronte alla netta chiusura da parte della componente dirigenziale dell'Azienda non è rimasto che inviare una formale diffida alla stessa minacciando che in caso di non rispetto delle vecchie modalità di rendicontazione passeremo alle vie legali.

Sulle altre questioni ritorneremo successivamente, in questo momento riteniamo che mai come ora la categoria dovrà mostrarsi compatta nel respingere l'atteggiamento di una dirigenza sempre più ostile alla medicina generale.

f.to Antonio Santangelo


a cura di: FIMMG Potenza


Allegati / Link

ALLEGATO: Modalità operative per le esenzioni del reddito
(Visualizza il File .PDF

DIFFIDA per Prestazione di particolare impegno professionale  (Visualizza il File .PDF



[by e-lar] [xhtml / css] RSS
0.005551''